Pianoforti digitali

 

pianoforti digitali prezzi

Nel mondo della musica il progresso non si ferma mai, lasciando strada a cambiamenti incredibili e interessanti. Nel corso degli anni le innovazioni si sono susseguite, dando vita a nuove fasi e a nuovi strumenti che hanno reso la musica sempre più interessante. Analizzando la storia della musica, è possibile vedere come nel tempo gli strumenti si siano evoluti verso una visione della musica come divertimento e intrattenimento, aggiungendo un numero sempre maggiore di peculiarità e possibilità di espressione. La qualità del suono è migliorata, mentre i prezzi si sono abbassati arrivando ad essere alla portata di tutti. Un esempio di questa evoluzione è dato dai pianoforti digitali: entrando sul mercato hanno dato a tutti la possibilità di avere un pianoforte, dando allo stesso tempo una maggiore libertà nell’esprimere la propria creatività grazie ai molteplici effetti e caratteristiche.

I pianoforti digitali rappresentano un’alternativa leggera al pianoforte tradizionale, con il quale condividono la disposizione dei tasti e il timbro sonoro. Ci sono molte marche e modelli disponibili sul mercato, ed è dunque possibile cercare le caratteristiche che si desiderano in modo da fare una scelta informata.

Non si tratta di strumenti adatti solo ai professionisti: rappresentano un’opzione valida anche per i principianti e gli studenti di tutte le età, anche i bambini. L’unico problema è quello di scegliere un pianoforte digitale che risponda a tutti i requisiti richiesti, così da poterlo suonare al massimo delle proprie possibilità. L’ideale è cercare un modello portatile e versatile o una tastiera elettronica, con un buon rapporto qualità prezzo e un timbro sonoro di qualità, badando anche alle altre caratteristiche come la connettività, l’amplificazione, la possibilità di registrare e così via. È molto importante consultare le recensioni: leggere le opinioni altrui può permettere di farsi un’idea più chiara, in modo da orientare la propria scelta su un piano o tastiera digitale piuttosto che un altro non solo in base al costo.

 

 
 
 
 

Il pianoforte tradizionale

Nel passato, avere un pianoforte in salotto era simbolo di raffinatezza ed eleganza, e tutti i giovani i buona famiglia ne imparavano almeno le basi; oggi spesso vengono preferiti strumenti più alla moda come la chitarra o il basso, ma il pianoforte rimane uno strumento estremamente importante, sia dal punto musicale che da quello sociale. Al di là dell’aspetto sociale, che si riflette ad esempio nel fatto che tutti i pezzi musicali più noti – la marcia nuziale, le canzoni natalizie – siano pensati per il pianoforte, si tratta infatti di uno strumento che ha moltissime caratteristiche peculiari e lati positivi che non si riscontrano negli altri strumenti, rendendolo dunque unico.

Innanzitutto, il pianoforte è uno strumento polifonico: mentre la maggior parte degli strumenti, come ad esempio il flauto o il violino, sono monofonici – ovvero possono suonare una sola nota alla volta – il pianoforte permette di suonare più note insieme, semplicemente premendo più tasti contemporaneamente. Questa caratteristica rende il pianoforte uno strumento versatile anche come solista, permettendo di suonare composizioni molto complesse senza ricorrere ad altri strumenti; non a caso, ad esempio, molto spesso nei locali la musica dal vivo consiste semplicemente nel pianoforte accompagnato da una voce, e vi sono molti musicisti che tengono concerti come pianisti solisti.

 

TASTIERA PIANOFORTE  
Economica per iniziarePer principianti con mobilePer bambini
Piano economico per iniziarePiano per principianti con mobilepiano per bambini
Midi professionalePer livello intermedioPer uso professionale
Midi professionalepiano livello intermedioPiano digitale per uso professionale

I punti di forza di un pianoforte digitale

Rispetto all’acustico verticale o a coda, il piano digitale offre quell’aspetto multimediale che oggi sta diventando sempre più un punto fermo. Anche il piano acustico può essere “digitalizzato”, ossia si può applicare il cosidetto “kit silent” un dispositivo che compare sotto la tastiera del piano e funziona da silenziatore. Il pianista è in grado quindi di suonare senza disturbare nessuno, ascoltando le note con una cuffia stereo. Esattamente ciò che avviene in quasi tutti i pianoforti digitali. I kit silent si installano su tutti i pianoforti senza andare a toccare il peso, il tocco e la sensibilità della tastiera. Un convertitore da analogico a digitale che ha però il suo prezzo.

Digitale o Acustico Silent?
E’ la domanda che molti si pongono quando in casa si ha già un piano verticale o a coda. Aggiungo il sistema silent o mi compro direttamente un pianoforte digitale? A guardare i prezzi che circolano per l’acquisto e l’installazione, si risparmia decisamente prendendo un nuovo piano digitale. C’è da dire che se si è abituati al tocco del piano acustico, difficilmente potreste rimanere soddisfatti. La qualità del pianoforte a corda non si discute. Sarebbe come confrontare una macchina fotografica a pellicola con la digitale. Meglio la prima a dispetto di un costo maggiore e una versatilità inferiore.

Rispetto ad altri strumenti musicali, inoltre, il pianoforte è uno strumento semplice da imparare: anche un principiante può imparare a suonare dei semplici pezzi in poco tempo, contando sull’immediata corrispondenza tra nota musicale e tasto del pianoforte. Come per tutti gli strumenti, naturalmente, ci si perfeziona nel corso del tempo e per diventare professionisti ci vogliono molti anni, ma il pianoforte è senza dubbio in grado di dare soddisfazioni anche dopo pochi mesi di studio: i bambini che iniziano a prendere lezioni sono spesso in grado di suonare i loro primi pezzi anche dopo un paio di settimane di lezione.

Inoltre, alcuni studi scientifici hanno dimostrato come i bambini che imparano a suonare il pianoforte fin da piccoli ottengano risultati migliori a scuola a confronto degli altri studenti. In particolare, non sono soltanto le loro abilità musicali a migliorare ma anche quelle logiche, la concentrazione e le abilità manuali: insomma, fare prendere lezioni di pianoforte ai vostri bambini significa dare loro una marcia in più, sia a scuola che nella vita.

 

Sviluppo del senso artistico

I vantaggi del pianoforte non sono esclusivamente di natura mentale, ma anche fisici: imparare a suonare il pianoforte significa infatti migliorare la propria postura stando dritti sullo sgabello e la propria coordinazione occhio-mani-orecchie, specialmente se si inizia a suonare fin da piccoli. Si tratta anche in questo caso di una possibilità molto importante per favorire lo sviluppo armonico dei bambini, aiutandoli contemporaneamente a sviluppare il loro senso artistico.

Curiosamente, tutti coloro che studiano al conservatorio devono seguire – indipendentemente dallo strumento in cui si stanno specializzando – anche delle lezioni complementari di pianoforte: ciò è dovuto al fatto che suonare il pianoforte sia uno dei modi migliori per acquisire le basi della teoria musicale, aiutando a comprendere la struttura e la produzione del suono. Il pianoforte rappresenta infatti una vera e propria base del mondo musicale, e questo è un aspetto che si riflette in moltissimi ambiti: ad esempio, i direttori d’orchestra e dei cori imparano sempre a suonare il pianoforte, in quanto si tratta dell’unico strumento in grado di dare loro le capacità necessarie per guidare gli strumenti o le voci del proprio gruppo.

Il pianoforte rappresenta anche uno degli strumenti che maggiormente si adattano alla composizione e alla sperimentazione: grazie al maggiore controllo sulle proprie dita, infatti, i pianisti spesso riescono a ottenere ottimi risultati semplicemente improvvisando, dando vita a nuove creazioni e composizioni. Inoltre, coloro che suonano il pianoforte sono notevolmente avvantaggiati nell’imparare a suonare un altro strumento musicale, in quanto hanno già una solida base di teoria musicale e una buona coordinazione delle mani.

Infine, il pianoforte può rappresentare una concreta possibilità di carriera per tutti coloro che amano la musica: esistono infatti moltissime possibilità di impiego aperte ai pianisti, che vanno dall’insegnamento – a scuola oppure al conservatorio – alle navi da crociera, passando per i piano bar, i matrimoni e molte altre occasioni.

Pianoforti digitali: i più venduti ->